COMUNICATO  STAMPA

 

 

 

Comunicato stampa Lilt su Concerto di Natale Lilt con il Contemporary Vocal Ensemble

 

 

 

“Il 2016 sarà un anno dedicato alla prevenzione dei tumori ad ampio raggio, partendo da due nuove convenzioni che la Lilt nazionale ha stipulato con il Miur e con il Coni, perché è importante coinvolgere, innanzitutto, i ragazzi, i più giovani, e poi il mondo dello sport, ricordando che il movimento è salute. Siamo pronti per ripartire già da gennaio, portando avanti anche tutti i progetti già in corso, perché per fare prevenzione occorre stare tra la gente, parlare con le persone, far capire che una sana alimentazione ci aiuta a impedire l’insorgenza del cancro e che comunque un tumore scoperto nelle prime fasi oggi significa guarire”. Lo ha ribadito il Presidente della Lilt – Lega Italiana Lotta ai Tumori – Sezione di Pescara, il professor Marco Lombardo, Coordinatore regionale della Lilt-Abruzzo, aprendo il Concerto di Natale 2015 offerto dalla Lilt alla città presso la chiesa dello Spirito Santo, alla presenza, tra gli altri, dei volontari dell’Associazione, con la vicepresidente Milena Grosoli, dell’arcivescovo di Pescara, Sua Eccellenza Monsignor Tommaso Valentinetti, del sindaco emerito Luigi Albore Mascia, del consigliere comunale Guerino Testa, già Presidente della Provincia di Pescara, della dirigente dell’Istituto Alberghiero, Alessandra Di Pietro, la scuola che con la Lilt ha redatto un libro sulla sana alimentazione, dell’ex consigliere regionale Nicoletta Verì e soprattutto di tanti cittadini che hanno voluto testimoniare la propria partecipazione e vicinanza all’Associazione.

 

Lo spettacolo è stato anticipato, alle 18, dalla celebrazione della Santa Messa del malato oncologico, concelebrata dall’arcivescovo e dal parroco, Don Giorgio Campili, messa nella quale l’arcivescovo Valentinetti ha ricordato quanto sia importante “il ruolo della fede anche nel percorso della malattia, nessuno deve sentirsi solo, perché al suo fianco c’è sempre Dio che sa e conosce il cammino di ciascun uomo”. Quindi l’arcivescovo ha rivolto un pensiero ai volontari della Lilt, un esercito di uomini e donne che prestano ogni giorno la propria opera accanto a chi è affetto da una patologia neoplastica, “un esercito – ha sottolineato anche il professor Lombardo – che rappresenta la forza più autentica della Lilt, l’anima. Sono coloro che ci permettono da anni di portare avanti il progetto ‘Verso’, attraverso il quale noi garantiamo la nostra presenza in corsia, tra i pazienti, per tenere loro compagnia durante le terapie, o per accompagnarli a effettuare esami e visite. O anche il progetto ‘Vado’, dove sono i nostri volontari che si recano nelle case dei pazienti e in questo senso sono un supporto formidabile per le famiglie stesse. Ora però la nostra attenzione è rivolta verso la prevenzione, partendo proprio dai risultati ottenuti nel corso del 2015, come in occasione dello screening senologico, la Campagna del ‘Nastro Rosa’, partito a metà ottobre e a fine dicembre contiamo di chiudere le ultime visite delle 400 prenotazioni ricevute. L’iniziativa quest’anno è stata indirizzata soprattutto sulla fascia di donne giovani, tra i 25 e i 49 anni, ovvero quelle che non sono coperte dalle campagne di screening gratuito nazionale della Asl, e paradossalmente proprio in questa fascia registriamo un incremento di patologie, che è doppio rispetto al resto della popolazione. Ebbene, le giovani sono state l’84 per cento delle pazienti complessivamente visitate. I risultati della campagna sono stati estremamente positivi: quest’anno ci siamo infatti avvalsi di un’équipe multidisciplinare, ovvero oltre ai nostri oncologi, abbiamo avuto la presenza anche dei senologi della Asl di Pescara, a partire dal professor Marino Nardi, quindi un radiologo, che si è dedicato alle ecografie utilizzando l’apparecchiatura acquistata dalla Lilt un anno fa circa, oltre a nutrizionisti, una psiconcologa, la dottoressa Maria Di Domenico, e chirurghi specializzati nella ricostruzione dopo un intervento di asportazione della mammella. Ebbene, durante la Campagna abbiamo garantito, sulle 350 visite già eseguite, 47 ecografie per casi sospetti: tra questi abbiamo rilevato 17 casi di noduli, nel 50 per cento dei casi si trattava di cisti benigne, nel 50 per cento di noduli solidi, con attenzione focalizzata su due casi specifici, nel primo abbiamo già accertato che si trattava di un tumore maligno, su una giovane madre quarantenne, che è stata operata ieri; nel secondo caso siamo ancora in fase di accertamento diagnostico. Ma fare una diagnosi precoce significa, nel nostro caso, salvare una vita, perché nell’85 per cento dei casi oggi si guarisce, e scoprire la malattia nello stadio iniziale ha un impatto sociale rilevante perché parliamo di una giovane donna che non è distratta dai propri impegni familiari. Nel 2016 riprenderemo confermando tutte le attività condotte sino a oggi e inserendo ulteriori novità per essere più capillarmente presenti sul territorio, tra la gente”. Quindi spazio alla musica:protagonista sulla scena il Contemporary Vocal Ensemble del Conservatorio musicale ‘L.d’Annunzio’ di Pescara, diretto dal maestro Angelo Valori, che per un’ora ha spaziato nel vasto repertorio natalizio, riproponendo i classici del periodo, da ‘White Christmas’, a ‘Jingle Bells rock’, da ‘Joyfull joyfull’ alla colonna sonora del film ‘Sister Act’, sino a ‘Happy Christmas’ di John Lennon. Al termine dell’applauditissimo spettacolo, il presidente della Lilt Marco Lombardo e l’arcivescovo Valentinetti hanno consegnato una pergamena ricordo al maestro Valori e al Contemporary Vocal Ensemble.

 

 

Pescara, 19 dicembre 2015